Suggerisci una modifica su questa pagina
Cambiamento da proporre Indirizzo mail (facoltativo, consigliato in caso di dubbi o risposte)
Iscrizione alla Newsletter

Vuoi ricevere informazioni ed aggiornamenti sui nostri servizi? Inserisci la tua mail e ti informeremo sulle ultime novità.

N.b. La newsletter viene inviata senza cadenza prefissata, sulla base di eventi, notizie, scadenze, nuovi servizi o aggiornamenti rilevanti e potrebbe essere non inviata anche per lunghi periodi.

N.b. Non inserite mail PEC


22/11/2022 - Nuova Dichiarazione IMU/IMPI

Con D.M. 29 luglio 2022 il MEF ha approvato il nuovo modello di dichiarazione IMU-IMPi che modifica la precedente in base agli sviluppi normativi e integra un quadro per le dichiarazioni IMU relative alle piattaforme marine e ai rigassificatori di gas naturale. Con il nuovo modello sono previste più tipologie di dichiarazione: oltre ad una nuova dichiarazione è possibile presentare una dichiarazione sostitutiva, ed infine una dichiarazione multipla che prevede più invii (Dichiarazione telematica).
Abbiamo pubblicato la Nuova Dichiarazione IMU/IMPi. Al momento è possibile solo elaborare una dichiarazione nuova o sostitutiva. Entro fine mese aggiorneremo la Dichiarazione con l''esportazione del file per l'invio telematico con possibilità di esportare dichiarazioni multiple.
La precedente Dichiarazione IMU rimane disponibile al seguente link
Dichiarazione IMU 2012

14/10/2022 - L'esenzione IMU per abitazione principale, indipendentemente dal nucleo familiare, spetta al possessore che vi abbia residenza e dimora abituale

La Corte Costituzionale con Sentenza N. 209 del 12 ottobre 2022 ha dichiarato incostituzionale la norma che limita l'esenzione IMU per l'abitazione principale ad un solo immobile "nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente".

Come noto la questione è di grande interesse in particolare nel caso di coniugi che abbiano la residenza in immobili di proprietà situati in comuni diversi. La sentenza (di ben 14 pagine) analizza approfonditamente la norma e ne evidenzia punto per punto gli aspetti che ne determinano l'illegittimità costituzionale. Il risultato della sentenza porta alla modifica della norma eliminando il riferimento/vincolo al nucleo familiare e riconoscendo l'esenzione al possessore dell'immobile che vi abbia residenza e dimora abituale, situazione che si verifica nel caso di coniugi che risiedono in comuni differenti.

In realtà la sentenza considera come "non esclusa a priori" l'esenzione anche nel caso di coniugi residenti in immobili diversi situati nello stesso comune ritenendola comunque come "ipotesi del tutto eccezionale" (e che come tale dovrà essere oggetto di accurati e specifici controlli da parte delle amministrazioni comunali):

"È ben vero che la necessità di residenza disgiunta all’interno del medesimo comune rappresenta una ipotesi del tutto eccezionale (e che come tale dovrà essere oggetto di accurati e specifici controlli da parte delle amministrazioni comunali), ma, da un lato, date sia le grandi dimensioni di alcuni comuni italiani, sia la complessità delle situazioni della vita, essa non può essere esclusa a priori; dall’altro, mantenere in vita la norma determinerebbe un accesso al beneficio del tutto casuale, in ipotesi favorendo i nuclei familiari che magari per poche decine di metri hanno stabilito una residenza al di fuori del confine comunale e discriminando quelli che invece l’hanno stabilita all’interno dello stesso."

Quindi la definizione di abitazione principale viene modificata come segue:
«per abitazione principale si intende l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore dimora abitualmente e risiede anagraficamente»

L'esenzione è applicabile nei casi in cui i coniugi hanno dimora e residenza nelle rispettive abitazioni situate in comuni diversi, e può applicarsi eccezionalmente anche nel caso di residenza in immobili diversi presenti nello stesso comune purchè (evidentemente) si presentino oggettive ed "eccezionali" situazioni che ne possano giustificare l'applicazione.

Ai fini del Calcolo IMU la Sentenza non comporta la necessità di modifiche, poichè ha effetti sulla tipologia dell'immobile interessato all'eventuale esenzione.

Di seguito il testo della Sentenza e il Comunicato dell'Ufficio Stampa della Corte Costituzionale

Corte costituzionale - Sentenza N. 209 del 2022

Corte costituzionale - Comunicato Stampa

22/06/2022 - Dichiarazione IMU: proroga scadenza al 31 dicembre 2022

Nel Consiglio dei Ministri di mercoledì 15 giugno 2022 è stato approvato il Decreto Semplificazioni che estende al 31 dicembre 2022 il termine per la presentazione della dichiarazione sull’IMU.

Quindi la scadenza della Dichiarazione IMU relativa al 2021 che era prevista per il 30 giugno 2022 è prorogata al 31 dicembre 2022

Nel decreto viene anche annunciata la semplificazione dei modelli di dichiarazione IMU per gli enti non commerciali. Questo comporterà la pubblicazione (si presume entro fine anno) di un nuovo modello di dichiarazione che sostituirà l'attuale.

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 143 del 21 giugno 2022 

Calcolo IMU 2019
Calcolo IMU-TASI 2019
Calcolo TASI 2019
Calcolo TARI 2019
Calcolo IMU 2018
Calcolo IMU-TASI 2018
Calcolo TASI 2018
Calcolo TARI 2018
Calcolo IMU 2017
Calcolo IMU-TASI 2017
Calcolo TASI 2017
Calcolo TARI 2017
Calcolo IMU 2016
Calcolo IMU-TASI 2016
Calcolo TASI 2016
Calcolo TARI 2016
Calcolo IMU 2015
Calcolo IMU-TASI 2015
Calcolo TASI 2015
Calcolo TARI 2015
Calcolo IMU 2014
Calcolo IMU-TASI 2014
Calcolo TASI 2014
Calcolo TARI 2014
Calcolo IMU 2012
Calcolo IMU 2012